GUIDA PRATICA ALL'USO DELL'ESPOSIMETRO A LUCE INCIDENTE

Esporre correttamente una fotografia è certamente una delle basi da cui partire per avere una buona immagine finale. In questo compito non ci aiuta solo l’esposimetro interno della fotocamera, ma spesso si usa un esposimetro esterno, un accessorio che accompagna molti fotografi per valutare l’illuminazione e scegliere la giusta apertura del diaframma e il tempo di posa.
PERCHÉ USARE L'ESPOSIMETRO A LUCE INCIDENTE E QUALI LE DIFFERENZE CON QUELLO DELLA MACCHINA FOTOGRAFICA
Non ricordi la differenza tra luce incidente e luce riflessa che hai studiato a scuola durante le lezioni di fisica? Lo spettro visibile e le frequenze dei colori? Un oggetto nero è di questo colore perchè assorbe tutte le frequenze e non ne riflette; un oggetto rosso riflette solo questa parte dello spettro; uno bianco riflette tutte le frequenze, la cui somma da il bianco.
Quando misuriamo la luce incidente, misuriamo effettivamente l’intensità della luce che illumina la scena da fotografare, indipendentemente da oggetti e soggetti presenti. Come in questa immagine, l’esposimetro misura la luce che colpisce la ragazza, indipendentemente dal colore della sua pelle, dei capelli o del vestito rosso. La misurazione sarà corretta e oggettiva. Se invece misurassimo l’esposizione con l’esposimetro interno della fotocamera che fotografa, si tratterebbe della luce riflessa della ragazza illuminata, luce riflessa che dipenderà appunto dalla sua pelle, dal vestito, dai capelli e dal resto presente nella scena. Un valore certamente meno accurato.
TUTTO QUI? NO!
Grazie all'esposimetro a luce incidente sei in grado di calcolare l'effettiva gamma dinamica della scena che stai riprendendo e di impostare valori essenziali per la buona riuscita dell'immagine.
SAI COS'È' LA GAMMA DINAMICA DI UNA IMMAGINE?
Per comprendere cos'è la gamma dinamica devi pensare al nostro occhio e al fatto che esso vede più della macchina fotografica. Immaginiamo infatti un tramonto; siamo perfettamente in grado di vedere correttamente cielo e terra percependo al meglio i dettagli nelle zone di luce e di ombra. La macchina fotografica questo purtroppo non lo fa, e siamo sempre a chiederci, espongo per il cielo o per la terra? Quando trattiamo di questo argomento allora stiamo parlando di Gamma Dinamica. Essa infatti definisce la differenza tra il minimo ed il massimo valore di luminosità in una immagine che stiamo per scattare. In sostanza quindi la Gamma Dinamica indica la capacità della vostra macchina fotografica (e del vostro occhio) di vedere dettagli contemporaneamente in aree molto chiare e aree molto scure della scena.
Grazie all'esposimetro a luce incidente possiamo calcolare questo valore e di utilizzarlo correttamente per la buona riuscita dello scatto restituendoci un'immagine ricca di informazioni sia nelle alte luci che nelle basse luci.
COSA IMPARERAI DURANTE IL WORKSHOP
Imparerai a:
Conoscere la luce
Rilevare i valori di alte luci e basse luci e utilizzarli per i tuoi calcoli
A ricavare la gamma dinamica di un'immagine
A calcolare in modo semplice l'accoppiata tempo - iso - diaframma
LO SCOPO FINALE DEL WORKSHOP
Lo scopo finale del workshop e quello di insegnare al partecipante un workflow di lavoro che lo porterà ad un una immagine perfetta già al primo scatto. Non saranno necessari altri scatti aggiuntivi, ne basterà uno solo e sarà perfetto al primo click! Questo intento garantirà al fotografo un file su cui dovrà lavorare esclusivamente di creatività e non di recupero delle informazioni sulle alte o basse luci. Ciò significa un risparmio di ore e pazienza davanti al nostro software di post-produzione e una maggior concentrazione sulla creatività personale.

Non fai solo una fotografia con una macchina fotografica. Tu metti nella fotografia tutte le immagini che hai visto, i libri che hai letto, la musica che hai sentito, e le persone che hai amato. (Ansel Adams)

ROBERTO FIOCCO

IL MASTER DEL WORKSHOP

Roberto Fiocco (Verona, 1972) fotografo che ha iniziato la sua professione negli anni ’90 con un percorso formativo di preparazione al mestiere sviluppatosi prevalentemente sulla pratica grazie alla collaborazione come assistente con un noto fotografo della città in cui vive tutt'oggi, ma anche grazie a studi personali ed al lavoro nei mercatini di fotografia a contatto con molti esperti del settore.
Sviluppa inizialmente una grande passione per la telemetro scoperta a Milano durante una mostra del grande Henri Cartier Bresson in Piazza Duomo e la sviluppa negli anni successivi con grandi soddisfazioni ma soprattutto con grande costanza e impegno. Nel 2009, trasferendo il suo metodo di lavoro nel mondo della fotografia digitale, avvia la professione con la presentazione dei primi lavori e con la creazione dei primi corsi base e avanzati rivolti a fotoamatori evoluti e non e a professionisti del settore.
Dal 2010 ad oggi Roberto Fiocco, con la propria organizzazione RFPWorkshop, crea workshop in tutta Italia e all'estero, eventi e corsi a tema creati e finalizzati alla formazione fotografica di tutte le persone che condividono questa passione, portando ai partecipanti l’esperienza e le conoscenze acquisite negli anni.

FEDERICA FERRARI

LA MODELLA DEL WORKSHOP

SEDE DEL WORKSHOP  STUDIO RFPWORKSHOP


SABATO- 28 SETTEMBRE 2019


Orario: 10.00 - 18.00


MAX 3 PARTECIPANTI


€170


6 ORE DI WORKSHOP


TEORIA APPLICATA SUI SET CON IL MASTER ROBERTO FIOCCO E LA MODELLA FEDERICA FERRARI

ESPOSIMETRO IN REGALO A TUTTI I PARTECIPANTI

a

FORMAT DI ISCRIZIONE AL WORKSHOP

informativa sulla privacy